Trump: “Troppo sport consuma il corpo, è dannoso”

All’esercizio fisico e alla sua importanza per la salute viene data troppa importanza, e questo è sbagliato. Parola del presidente Donald Trump che, al di là del golf, non pratica alcuno sport.
Secondo Trump l’eccessiva importanza si scontra con il fatto che il corpo umano è come una batteria che non si ricarica, e quindi ha un’energia limitata a disposizione che potrebbe essere consumata dall’esercizio fisico.

President Donald Trump speaks during the 36th annual National Peace Officers Memorial Service, Monday, May 15, 2017, on Capitol Hill in Washington. (ANSA/AP Photo/Evan Vucci) [CopyrightNotice: Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.]

A riportare le teorie del presidente americano è il ‘New Yorker’, ma subito rimbalzano sui siti americani. L’unica forma di movimento fisico seguito da Trump è il golf, che peraltro considera più un’occasione per incontri di lavoro. Secondo i media Usa, la convinzione del presidente che l’energia a carica limitata del corpo umano venga addirittura ‘consumatà dall’esercizio, è tra le ragioni per cui Trump non ha praticato sport.
Quanto alle sue abitudini alimentari – osserva la Cbs – Trump non disdegna di farsi ritrarre mentre mangia bistecche, cibo messicano, patatine e bibite gassate e zuccherate. Diete opposte al tentativo degli Obama di inculcare negli americani il senso di una alimentazione sana. In un recente twitt,Trump ha scritto:«non ho mai visto una persona magra bere una bibita senza zucchero».

Trump: “Limiti agli Europei che viaggiano negli States. Merkel catastrofica sugli immigrati. Putin? Fidiamoci”

Un pacchetto di provvedimenti per rafforzare i confini dell’America è già pronto: sarà il primo atto di Donald Trump alla Casa Bianca, appena tre giorni dopo il suo insediamento venerdì 20 gennaio. È lo stesso presidente eletto ad annunciarlo nella sua prima intervista a un media britannico, il Sunday Times, spiegando che ci saranno delle restrizioni sui viaggi negli Usa e che potrebbero riguardare anche i cittadini europei.

IMG_20170116_000358_578_16001004

Trump già in campagna elettorale aveva suscitato un polverone non solo con la proposta di vietare l’ingresso dei musulmani negli Usa, ma anche indicando come maggiore attenzione sarebbe stata rivolta a Paesi del Vecchio Continente con una forte immigrazione e ad elevato rischio terrorismo. E aveva indicato in particolare Francia e Germania. Nell’intervista, il tycoon definisce la linea della cancelliera tedesca Angela Merkel che – afferma – ha permesso l’ingresso di un milione di immigrati e rifugiati in Germania, «un errore catastrofico», aumentando di fatto in maniera esponenziale la minaccia terroristica in tutta l’Europa.
Spiega così che i provvedimenti che si appresta a firmare potrebbero comprendere anche restrizioni sugli europei che viaggiano negli Usa e «controlli estremi» per le persone che arrivano in America «da parti del mondo conosciute per la presenza del terrorismo islamico». E l’immigrazione definita senza freni è alla base per Trumpdella vittoria della Brexit, che il presidente eletto definisce «una grande cosa» e che – predice – farà da esempio ad altri Paesi del Vecchio Continente destinati anche loro ad abbandonare l’Unione europea. Intanto annuncia che lavorerà subito ad un accordo con il Regno Unito, innanzitutto commerciale, e i primi passi verranno compiuti quando inviterà la premier britannica Theresa May alla Casa Bianca, subito dopo il suo insediamento. Capitolo Russia.Trump

Schwarzenegger vs Trump: “Lavora per gli americani come hai fatto per i dati di ascolto tv”

“Ti auguro buona fortuna e spero che lavorerai per tutti gli americani con la stessa intensità con cui hai lavorato per gli indici di ascolto”. Botta e risposta a suon di tweet al vetriolo tra Arnold Schwarzenegger e Donald Trump. Lʼattore ed ex governatore della California, che ha preso il timone del talent show “The Apprentice”, replica alle critiche del neo presidente sul suo debutto “poco brillante”, alla conduzione del programma.

01-09-2015-vsschwarzenegger

Solo 4 milioni e 900 mila telespettatori per la prima puntata della nuova edizione di “The Apprentice” il talent portato al successo proprio dal neo presidente Donald Trump, che nell’ultima puntata, due anni fa, aveva raggiunto i 6 milioni e mezzo di share. I dati audience sono arrivati martedì 3 gennaio, e Trump ha colto subito l’occasione per regolare i suoi conti con Schwarzy. L’attore di “Terminator” ed ex governatore della California infatti, da sempre repubblicano, aveva annunciato che non l’avrebbe votato alle elezioni dello scorso novembre. Trump se l’è legata al dito e ha visto servita su un piatto d’argento la sua vendetta… mediatica.

Trump rinuncia allo stipendio da presidente. Lo staff: “Chi protesta è pagato”

Da cinque giorni un gruppo di manifestanti sta protestando contro l’elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti. “Sono contro di me perché non mi conoscono, ma dico loro di non avere paura, assolutamente”, ha detto il magnate in una intervista alla Cbs. Per il suo staff i manifestanti sono dei “professionisti pagati”. E intanto Trump annuncia nella stessa intervista che rinuncerà allo stipendio prendendo solo un dollaro.

arton37625

Lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all’anno. “Non ne ho mai parlato, ma la risposta è no – risponde alla giornalista Lesley Stahl, che gli chiede se prenderà lo stipendio – Penso di dover prendere per legge un dollaro, prenderò un dollaro all’anno”. Trump, tra l’altro, sostiene di «non sapere neanche» a quanto ammonti l’indennità per il presidente e lo chiede alla giornalista: “Lei sa quant’è lo stipendio?”. “Sta rinunciando a 400mila dollari”, dice la Stahl. “Non li prenderò”, insiste il presidente eletto.
Da Kellyanne Conway, campaign manager di Donald Trump, le accuse più nette: “È davvero ora che il presidente Obama e l’ex segretario di Stato Clinton dicano a questi manifestanti ‘quest’uomo è il nostro presidente'”.
Donald Trump ha sostenuto in una intervista alla Cbs che la sua elezione non è un ripudio dell’attuale presidenza Obama: “No, penso sia un momento in cui i politici per un lungo periodo di tempo hanno abbandonato la gente, sul fronte del lavoro, della guerra. Abbiamo combattuto per 15 anni… Se Hillary avesse vinto e la mia gente uscisse a protestare, tutti direbbero ‘oh, è terribile'”.
“Sono molto sorpreso di sentire questo, odio sentirlo”, ha risposto il tycoon a proposito delle notizie di insulti razzisti e minacce personali contro le minoranze da parte di suoi sostenitori. “Ma penso si tratti di un piccolo numero”, ha aggiunto.

Trump conferma: “Muro al confine col Messico, via 3 milioni di clandestini”

Donald Trump ha confermato in una intervista alla Cbs – che sarà trasmessa nelle prossime ore – che intende costruire il muro al confine col Messico, precisando che una parte potrebbe essere muro e una parte una «recinzione», in accordo con quanto proposto dai repubblicani al Congresso.

Donald Trump

TRUMP: “VIA SUBITO 2-3 MILIONI DI CLANDESTINI” . Donald Trump ha ribadito in una intervista alla Cbs un’altra delle sue promesse elettorali, l’epulsione di 2-3 milioni di clandestini con precedenti penali. «Quello che faremo è buttare fuori dal Paese o incarcerare le persone che sono criminali o hanno precedenti criminali, membri di gang, trafficanti di droga», ha detto, indicando la cifra in due, forse anche tre milioni. Quanto agli altri irregolari, il neo presidente eletto ha sostenuto che una decisione verrà presa dopo aver reso sicura la frontiera.

Trump presidente, la terribile profezia della veggente che predisse l’11 settembre

«Baba Vanga aveva previsto l’11 settembre, la tragedia del sottomarino Kursk e l’elezione di Barack Obama come 44° presidente degli Stati Uniti e primo afro-americano. Sarà anche l’ultimo della loro storia».
I seguaci della veggente cieca di origini macedoni, sparsi in giro per la Bulgaria, da tempo continuano a recitare come un mantra alcune allarmanti interpretazioni delle visioni che la donna, morta nel 1996 all’età di 85 anni, avrebbe avuto in vita.

37167195

Rimasta cieca dopo un incidente avuto in tenera età, Baba Vanga avrebbe iniziato ad avere delle visioni e a indicare profezie.
Secondo quanto riportato da vari siti come Unilad o The Mirror, le profezie della mistica non vedente avrebbero un 85% di precisione. Tra quelle più famose, stando almeno alle interpretazioni dei suoi seguaci, ci sarebbero anche lo scioglimento dei ghiacciai, lo tsunami del 2004 nel Sud-Est Asiatico, la Primavera Araba e la nascita dell’Isis. Non mancano, però, apocalittici avvenimenti predetti da Baba Vanga e mai accaduti, come ad esempio l’uccisione di quattro importanti leader mondiali nel 2009 e un’invasione totale di milizie islamiche sul territorio europeo quest’anno.
Il sospetto è che i suoi seguaci siano stati troppo fantasiosi nelle loro interpretazioni. Lo dimostra chiaramente l’elezione di Donald Trump come 45° presidente degli Stati Uniti, che smentisce chiaramente la profezia su Obama. Per Baba Vanga l’ormai ex inquilino della Casa Bianca doveva essere l’ultimo della storia degli Usa, ma il tycoon repubblicano è riuscito a succedergli. E a meno che nel frattempo non decida di svendere la sovranità nazionale, gli Stati Uniti continueranno a esistere. Non date retta a Baba Vanga, ma a Barack Obama: «Comunque sorgerà il sole».