Mamma passeggia nel bosco e vede un fantasma. Gli amici: “No, è Bigfoot”

Maxine Caulfield, 49enne mamma di un bambino, durante una passeggiata con i cani ha fatto un incontro davvero inquietante.
Accade nella foresta di Slieveanorra, in Irlanda del Nord. Come riporta il Mirror, la donna stava facendo giocare i suoi cuccioli, quando i due animali hanno drizzato le antenne, attratti da una strana presenza.

fantasma_21103930

La donna incuriosita si è avvicinata e ha immortalato una scena davvero raccapricciante. Nella foto infatti sembra di vedere un fantasma. Nel 1942, in quel punto della foresta si schiantò un aereo militare. Morirono 8 delle 10 persone a bordo e Maxine è convinta che nella foto sia ritratto lo spirito di uno dei passeggeri.
Ma quando ha mostrato lo scatto ad altre persone, le hanno fatto notare che l’immagine è molto più somigliante a Bigfoot, una leggendaria creatura scimmiesca che vivrebbe nelle foreste. Resta il mistero…

La famiglia va in gita al fiume, ma c’è un intruso nella foto: “È il fantasma di una ragazza”

Una tranquilla gita al fiume si è trasformata in un’avventura davvero inquietante. Kim Davison, sua moglie Jessie Lu e i tre figli si sono fatti scattare una foto mentre facevano il bagno tutti insieme.

20150310_92728_ghostMa nello scatto è apparsa anche l’immagine di una sesta persona.
“È il fantasma di una ragazza annegata 100 anni prima in quel punto”.   È accaduto in Australia. Come riporta il Mail Online, Kim ha postato l’immagine inquietante sulla pagina Facebook dedicata ai fantasmi ed è diventata virale.
Kim ha mostrato la foto a due esperti di paranormale ed entrambi sono arrivati alla conclusione che si tratti di Doreen O’Sullivan, una ragazzina di 13 anni, affogata in quel punto 100 anni prima.
“Quel giorno – conclude Kim – avevamo già avuto dei sentori. Qualcuno aveva toccato la gamba di mia figlia mentre nuotava e anch’io nel fiume ho sentito qualcosa dietro di me”.

Spectre a Roma: da Porta Pia a Ponte Sisto, ecco tutti i set del film di James Bond

A Villa Torlonia, secondo la stampa inglese, gli appartamenti con “vista James Bond” sarebbero andati a ruba, affittati per 4000 euro al mese. E poco importa che il portiere di uno degli stabili incriminati abbia recentemente ritrattato le sue dichiarazioni (“Era una battuta, sono stato frainteso”): le riprese romane del nuovo film di 007, Spectre, stanno facendo impazzire la città.

475054e5a3e5005ba-007-spectreOspitata ieri all’Eur, la troupe del Bond numero 24 ha girato la scena di un funerale all’interno di piazza Giovanni Agnelli, dove fin dalla notte precedente molti curiosi si erano affacciati per spiare l’allestimento nonostante le transenne schermate. Avvistati Daniel Craig in cappotto scuro e Monica Bellucci in abito da lutto, a spasso per le finte lapidi ed entrambi inavvicinabili: per la loro sicurezza la produzione ha predisposto un imponente servizio di bodyguard, capace di tenere lontani dal set anche i paparazzi più tenaci.  Più difficile sarà tenere sotto controllo la situazione in Via Nomentana, dove domenica 8 marzo, tra le 21 e le sei del mattino, si girerà un pirotecnico inseguimento d’auto al chiaro di luna. Da Viale Gorizia fino a Porta Pia la strada sarà illuminata a giorno, il traffico fermato e i residenti bloccati nelle loro case a orari prestabiliti. E chi abita nei palazzi che si affacciano su via Nomentana, fino a Montesacro, dovrà sopportare la forte illuminazione puntata direttamente sulle finestre. Ammesso che non abbia approfittato dell’evento per affittare l’appartamento “ai fan russi”, come scrivono gli inglesi.  Incerto ancora il destino della corsa spericolata di Bond sul Lungotevere, con tanto di spettacolare caduta nel fiume e ripescaggio con un elicottero: alle proteste tra lo spirituale e l’esoterico di chi si lamentava che il film avrebbe disturbato il fantasma di Donna Olimpia Pamphili su Ponte Sisto, si sono aggiunte le proteste più terrene di alcuni blogger. Che denunciano lo stato di incuria in cui versano molti tratti del lungotevere e i suoi ponti. Altra sequenza al cardiopalma quella prevista nel triangolo fra via Barberini, via Quattro Fontane e via Nazionale, per chiudere in bellezza con le scene girate a Borgo Pio, Ponte Milvio, Piazza Navona e Fontana di Trevi.

“Un fantasma fa sesso con mia moglie, ora il nostro matrimonio è in crisi”

20140908_78011_fantIl fantasma si invaghisce della moglie e causa una grave crisi matrimoniale. Deborah e Kevin Rawson sono sposati da più di 20 anni ma dopo essere vissuti felicemente nella stessa casa hanno iniziato ad avere un ospite indesiderato.
Si chiama Mark ed è un fantasma che si è invaghito della signora Rawson.
«È di bell’aspetto», racconta la donna, «e fa sesso con me nei momenti più inaspettati».
I rapporti tra la donna e il fantasma sono diventati sempre più frequenti fino ad avvenire anche in presenza del marito. «Una notte ha sollevato le coperte dal letto», confessa Deborah, «e ha costretto il mio compagno ad allontanarsi».  Il loro matrimonio è entrato in crisi ma la coppia non riesce ad allontanare lo spiritello libidinoso: «Abbiamo chiesto aiuto anche ad esorcisti e medium, ma non c’è stato nulla da fare».