“Sei brutta come la morte”: la figlia di Beyoncé presa di mira sui social

“Sei brutta come la morte”: è stato questo il commento più pesante indirizzato alla figlia di Beyoncé, Blue Ivy, presa di mira sui social dopo essere apparsa con la mamma sul red carpet degli ultimi MTV Video Music Award. La cantante ha pubblicato le foto sul suo profilo Instagram e i fan hanno subito criticato l’aspetto fisico della bambina di soli quattro anni.

blue-ivy-e-una-brutta-bambina-oscurati-insulti-contro-la-figlia-di-beyonce

Il popolo del web si è scagliato contro la piccola, figlia di J-Az, nonostante la tenera età. “Mi dispiace, ma credo che Blue Ivy sia proprio brutta”, il commento di un’altra utente.
La maggior parte degli insulti siano arrivati dal mondo femminile, da donne adulte che, secondo gli psicologi, sarebbero state abituate a essere insicure e giudicate sin dall’infanzia.
Blue Ivy ha suscitato l’interesse dei media e dello showbiz per lo sgargiante vestito indossato per l’occasione, un abito da 10 mila euro che la faceva assomigliare ad una vera principessa.

Amore Criminale, Selvaggia Lucarelli vs Asia Argento :” Barbara De Rossi sostituita dalla Bignardi, scelta stonata”

Ha fatto scalpore in rete la notizia della sostituone alla conduzione del programma di rai 3 “Amore Criminale” di Barbara De Rossi con Asia Argento.
Oltre il diasspunto dei tanti fan del programma e dell’attrice romana, arriva anche il sostegno di Selvaggia Lucarelli, che con Asia Argento non ha un bellissimo rapporto … ricordate le liti cult durante Ballando con le stelle?

argento-lucarelli

In questo caso però la Lucarelli ci tiene a precisare che la sua posizione non dipende dal suo rapporto con la figlia del regista horror Dario Argento e su facebook pubblica un post condiviso già centinaia di volte.
“Amore criminale” – scrive su Facebook Selvaggia – il programma che ricostruisce episodi di cronaca che raccontano la violenza sulle donne, è un programma di cui ho scritto spesso e con generosità, perché è un programma importante, educativo, crudo, spaventoso e rassicurante allo stesso tempo.
Barbara De Rossi l’ha sempre condotto con passione e coinvolgimento perché conosce, ahimè, l’argomento (ha denunciato il suo ex per stalking e violenza domestica) e si spende da molti anni, anche prima di questa conduzione, per la causa “violenza sulle donne”.
“Daria Bignardi, direttore di Rai 3 – prosegue nel post – ha deciso di sostituirla con Asia Argento. È il direttore e fa quello che le pare, mi sembra legittimo. Le conduzioni non sono eterne, mi pare altrettanto legittimo. È però altrettanto legittimo, e lo dico con tono polemico ma senza alzare la voce, trovarla una scelta stonata. Il perché lo dico con le parole di Barbara De Rossi, che è giustamente amareggiata e che ho intervistato oggi su Il Fatto: “Se mi avessero sostituito con la Morante o la Guerritore avrei capito di più. Ci vuole delicatezza e attenzione nel decidere a chi affidare un programma che affronta tematiche così difficili. Condurre questo programma vuol dire prendere le donne per mano, incoraggiarle a denunciare quando serve, rassicurarle sul fatto che si può essere aiutate. (…) Io questo ruolo lo sentivo come una sorta di ricompensa, di riscatto dopo quello che ho passato e visto il modo in cui mi batto per questa causa pensavo di meritarmelo. Ero fiera di essere al timone di un programma così. Sono amareggiata e non ho intenzione di nasconderlo”.

Selvaggia Lucarelli contro Emma dopo la foto con la “pancia”: ecco cosa ha detto

Selvaggia Lucarelli dura contro Emma Marrone. La blogger si è scagliata contro l’ex concorrente di Amici dopo che ha pubblicato lo scatto sexy su Instagram dicendo di non vergognarsi della sua pancia e invitando tutte le donne ad accettarsi per come sono.
«Emma è simpatica ed è anche una brava ragazza.

selvaggia-lucarelli-emma-marrone-emma-marrone

È sempre stata una taglia normalissima che per qualcuno i cui modelli di riferimento sono le fashion blogger era una taglia in più. Ora ha perso qualche chilo, lo mostra orgogliosamente su Instagram e va benissimo. Anzi, fa anche bene», così esordisce in un post su Facebook e poi prosegue: «Non fa bene però ad associare la sua foto da sensualona con schiena inarcata alla Belen a un messaggio che con quella foto non c’entra nulla. (“Ho pancia e cuscinetti perché mi pace la buona cucina, non coprite le ferite perché siete più belle così!”) Ora. Non c’è traccia di panza e cuscinetti, non mi pare il caso di fingere modestia in momenti in cui non ce n’è bisogno. Avrei preferito un più onesto “Ragazze, sono dimagrita un po’ e mi sento fighissima ma sappiate che mi sentivo figa anche prima con una 44!”. Oppure la totale assenza di un messaggio, solo un po’ di sana vanità. Nello scollamento tra le due cose (foto e messaggio) c’è un’ambiguità che non mi piace e che non fa bene a quelle ragazze che la pancia e i cuscinetti ce l’hanno sul serio. La poteva mettere quando aveva 5 chili in più una foto con un messaggio del genere. Così è una presa per il culo, un escamotage ingenuo per sentirsi dire “ma va, sei in formissima!”. Un modo per alimentare la vanità scomodando temi seri che male si associano a culi sodi e taglia 40».
Poi Selvaggia mostra quello che è, per lei, un vero esempio da seguire che arriva dalla seguitissima e amata sui social Clio: «Mia cara Emma, goditi la tua estate e i tuoi bikini, ma impara da Clio Make Up cosa vuol dire lanciare messaggi positivi con coerenza e coraggio. Lei sì che si mostra imperfetta e rotonda, senza pose da playmate, con qualche chilo in più e un sorriso grande così. Brava Clio. Da oggi in tuo onore smetto anche di mettere i rossetti rosa pallido, prometto».

Pubblica due foto a 12 ore di distanza, la rivelazione lascia tutti a bocca aperta

Stomaco gonfio? Niente paura, una giornata storta può capitare. Questo è il messaggio lanciato da una fitness blogger britannica, Tiffany Brien.
La ragazza ha pubblicato due foto della sua pancia a 12 ore di distanza: la prima, scattata poco prima di andare a dormire, appariva piatta e tonica, nell’altra (al suo risveglio) si può vedere come l’addome sia gonfio.

tiffanystomachfb.jpg

Ma Tiffany ha voluto rassicurare tutti, soprattutto le donne che, dopo un risveglio così, si buttano giù di morale e fanno dei pensieri negativi.
“Ho pensato di condividere questa brutta giornata con voi – spiega Tiffany -. Sappiate che nessuno è perfetto. Quando il vostro corpo decide di non volerne sapere (come nel mio caso), prendetevi un giorno di riposo dall’allenamento. Non preoccupatevi ragazze, succede a tutti noi”.
Il post, apparso su Facebook, ha fatto registrare moltissime condivisioni.

Johnny Depp-Amber Heard, lʼattrice fu arrestata per violenza

Il divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard si arricchisce di un nuovo capitolo. A quanto riporta Tmz l’ex signora Depp, che ha accusato l’attore di violenza domestica, ha lei stessa alle spalle un’accusa per abusi. L’episodio risale al 14 settembre 2009 quando la Heard colpì l’allora compagna Tasya van Ree all’aeroporto di Seattle. L’attrice fu arrestata e comparve in tribunale per rispondere dell’accusa.

C_2_fotogallery_3001888__ImageGallery__imageGalleryItem_11_image

All’epoca il pubblico ministero rinunciò a portare avanti il caso solo perchè le due donne vivevano in California, mentre l’episodio era avvenuto a Seattle, ma il giudice precisò anche che l’accusa poteva essere riaperta in caso di cattiva condotta.
Una rivelazione che potrebbe quindi rimettere in discussione gli abusi imputati da Amber all’attore. La Heard aveva infatti ottenuto, oltre al divorzio, anche un ordine restrittivo nei confronti della star proprio a seguito delle accuse di violenza. Al fianco di Depp si era schierata fin da subito l’ex compagna Vanessa Paradis, da cui il divo ha avuto due figli.

Nicola, 27 anni, licenziata senza stipendio perché lavorava senza tacchi: lo dice la legge

​Nicola Thorp, 27 anni, è stata licenziata dal suo posto di lavoro in centro a Londra perché si è presentata in ufficio senza i tacchi a spillo. A scatenare l’ira della giovane, oltre all’aver perso il suo stipendio, è il fatto che il suo capo ne abbia pieno diritto perché previsto dalla legge britannica.

1725659_322509_10153286873157671_6868933791112307398_o

E così lei ha deciso di lanciare una petizione per cambiare la legge e permettere alle donne di avere pari diritti degli uomini e poter svolgere il proprio lavoro aldilà del tipo di scarpe che indossino.
Nicole lavorava alla reception degli uffici del PwC nella capitale inglese, uno dei palazzi governativi. Le hanno spiegato che le scapre basse non facevano parte del codice di abbigliamento indicato per svolgere le proprie funzioni. E così è stata mandata a casa. Per la giovane si è trattato di un fatto discriminatorio e così ha lanciato questa petizione sul sito del Parlamento per cambiare le regole sul lavoro.