Si laurea con una tesi su Morosini e muore in campo come lui: giocava a calcetto

Angelo Marco Giordano, il giovane docente di educazione fisica di 32 anni stroncato da un malore mentre giocava a calcetto con gli amici si era da poco laureato con una tesi su Piermario Morosini e per uno strano scherzo del destino è morto come lui in campo.

2270889_angelo_morosini

Giordano si era laureato in Scienze Motorie con una tesi riguardante l’uso del defibrillatore in campo prendendo in esame la morte di Piermario Morosini, centrocampista del Livorno deceduto in campo, contro il Pescara, nel 2012. I compagni avevano pensato a un semplice calo di pressione, ma sul corpo del ragazzo è stata disposta l’autopsia.
Sembra inoltre che in campo, al momento della morte di Giordano, non ci fosse alcun defibrillatore, come invece imporrebbe il Decreto Balducci, che prevede l’utilizzo dello strumento per la ripresa cardiaca per ogni società sportiva. “Il suo destino era lasciare ciò che amava – ha detto il fratello Federico – . Unica consolazione è che è successo mentre giocava a pallone, la cosa che amava più di tutte”.

Colombia, precipita aereo con squadra brasiliana: solo 5 superstiti

Un aereo con 81 persone a bordo, tra cui la squadra brasiliana del Chapecoense, è precipitato in Colombia, dove era diretto all’aeroporto di Medellin dopo essere partito dalla Bolivia. Solo cinque persone, tra cui alcuni calciatori, sono sopravvissute alla sciagura, quindi le vittime sono 76: lo ha reso noto la polizia del Paese. L’aereo caduto, un British Aerospace 146 gestito dalla compagnia charter boliviana Lamia, aveva segnalato problemi all’impianto elettrico: lo rende noto in un comunicato l’aeroporto internazionale di Medellin.

aereo_bolivia01-13294-krAD-U1100854901087dH-1024x576@LaStampa.it

Ora, però, le ricerche di altri superstiti e i soccorsi sono stati interrotti a causa delle forti piogge nel Dipartimento di Antioquia. Lo scrive su Twitter Noticias Caracol.
Ci sarebbero sei sopravvissuti nell’incidente aereo avvenuto in Colombia dove un aereo charter con più di 80 persone a bordo è precipitato dopo essere scomparso dai radar. Sul velivolo viaggiava la squadra di calcio brasiliana Chapecoense.
Anche il sindaco di La Union, Hugo Botero, ha riferito di alcune persone sopravvissute e anche delle difficoltà di accesso alla zona. La squadra brasiliana era diretta a Medellín per la partita con l’Atlético Nacional, incontro di andata per la finale della Coppa Sudamericana, in programma questo mercoledì.
La Federazione del calcio sudamericana (CONMEBOL) ha annullato tutte le attività fino a nuovo ordine a causa della sciagura aerea in Colombia: lo ha annunciato la stessa CONMEBOL, sottolineando che il suo presidente, Alejandro Dominguez, è partito per Medellin. È stata annullata quindi anche la prima di due partite della finale della Copa Sudamericana: la squadra brasiliana di serie A Chapecoense, che si trovava a bordo dell’aereo, avrebbe dovuto giocare mercoledì a Medellin contro l’Atletico Nacional.
Tra i sei sopravissuti all’incidente aereo di Medellin, c’è uno dei difensori della Chapocoense, la squadra brasiliana che si trovava a bordo. Come scrive As Colombia si tratta di Alan Ruschel, 27 anni, uno dei terzini della squadra, ricoverato all’ospedale municipale de La Ceja.
L’aereo caduto in Colombia con 81 persone a bordo aveva segnalato problemi all’impianto elettrico: lo rende noto in un comunicato l’aeroporto internazionale di Medellin. Il velivolo, un British Aerospace 146 gestito dalla compagnia charter boliviana Lamia, trasportava anche i giocatori della squadra di calcio brasiliana Chapecoense.
I piloti dell’aereo hanno inviato un messaggio di emergenza alle 22:00 di lunedì (ora locale), hanno reso noto le autorità dell’aviazione civile colombiana. Le squadre di soccorso sono state attivate immediatamente ma un elicottero dell’esercito è stato costretto a rientrare alla base a causa della scarsa visibilità. Nel frattempo, è stato diffuso sul web il video della squadra brasiliana al momento di imbarcarsi dalla Bolivia.

Uefa, il gol dell’anno è quello segnato da Messi contro la Roma in Champions League

La rete segnata con un pallonetto da Lionel Messi contro la Roma lo scorso 24 novembre al Nou Camp in un match di Champions League è stato scelto dalla Uefa come miglior gol della passata stagione.

FC Barcelona v Real Betis Balompie - La Liga

Il fuoriclasse argentino ha ricevuto il 34% dei voti; dietro di lui la rete realizzata dal giocare di futsal portoghese Ricardinho (13%) contro la Serbia negli Europei di calcio a 5 e il gol in rovesciata dello svizzero Xherdan Shaqiri (11%) segnato all’ultimo Europeo nel match valido per gli ottavi di finale contro la Polonia.

Hakan Sukur accusato di terrorismo in Turchia: scatta l’ordine di arresto per l’ex calciatore di Torino e Inter

Un ordine di arresto è stato emesso dalle autorità turche nei confronti di Hakan Sukur, l’ex calciatore del Galatasaray e di Torino, Parma e Inter: Sukur – secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Anadolu – è accusato di appartenere ad «un gruppo terroristico armato».

hakan-sukur_1071445sportal_news

Il mandato di arresto nei confronti di Sukur – che ha 44 anni e che dopo aver appeso gli scarpini al chiodo si è dato alla politica – rientra nel giro di vite del governo Erdogan negli ambienti vicini a Fethullah Gulen dopo il fallito colpo di stato dello scorso 15 luglio. Sukur ha lasciato la Turchia lo scorso anno e vive in California. Eletto nel Parlamento nel 2011, l’ex calciatore si è poi dimesso in seguito alla spaccatura del governo con Gulen.

Molestie a Sarah Felberbaum, moglie di De Rossi. Il suo ex finisce a giudizio

Nessuno la potrà ripagare per le preoccupazioni e paure vissute, ma per l’attrice Sarah Felberbaum, moglie del calciatore della Roma Daniele De Rossi, c’è una consolazione in vista. Lo stalker, una ex fiamma che la perseguitò per alcuni mesi nel 2014, sarà processato davanti al tribunale di Roma a partire da ottobre. Il pm Silvia Santucci ha firmato la citazione diretta in giudizio per l’indagato,

daniele-de-rossi-e-sarah-felberbaum

Francesco Spadone, un 40enne che, stretto tra la voglia di riconquistare l’attrice e livido di gelosia per la felice storia d’amore che lei stava vivendo con De Rossi, divenuto poi suo marito, ha cominciato a spiarla, appostarsi sotto casa e inviarle sms a raffica.
Sarah Felberbaum, divenuta nota in veste di Livia, la fidanzata del commissario nella serie tv Il giovane Montalbano e per il ruolo nella pellicola La figlia di Elisa – Ritorno a Rivombrosa, in quei mesi era molto intimorita dalle attenzioni dell’ex fidanzato (che arrivò ad appostarsi per fotografarla di nascosto e seguirla in strada) perché era in attesa di Olivia, nata il giorno di San Valentino di quell’anno. L’attrice (e anche conduttrice tv, come in Uno Mattina Estate o per Sky) consigliata dal compagno e padre della bimba, Daniele De Rossi, si decise a presentare denuncia all’autorità giudiziaria affinché il persecutore non la turbasse più. Poi della vicenda giudiziaria non aveva saputo più nulla, rituffandosi nel lavoro e nella vita di coppia.

Bobo Vieri torna a giocare a 43 anni: “Andrò in Cina, sono pronto”

Christian Vieri torna a giocare da professionista all’età di 43 anni.
«Grandi notizie: Bobo is back. Torno a giocare, andrò in Cina», spiega l’ex bomber azzurro.

m_auto

Vieri, su Instagram ha postato un video in cui fa footing per le strade di Formentera, spiegando di essere alle prese con un serio programma di dimagrimento: «Cinque mesi fa pesavo 101 kg, ora sono sceso a 91. Me ne mancano altri due per raggiungere il peso-forma e allora sarò pronto». Non è chiaro quale sia il club in cui andrà a giocare ‘Bobo’, ma di certo da tempo non lo si vedeva così in forma, considerando anche i sette anni passati dall’ultima gara da professionista con la maglia dell’Atalanta.